mercoledì 5 ottobre 2016

Lo sport aumenta la tolleranza al dolore

Un recente studio condotto da ricercatori tedeschi è giunto ad una conclusione davvero singolare: lo sport aiuta a sopportare il dolore. Da studi condotti precedentemente volti a confrontare la resistenza degli atleti con quella della gente comune, è emerso che i primi riescono a sopportare maggiormente il dolore.

In particolare, si è visto che la soglia del dolore non cambia, ma la capacità di tollerarlo si. Il forte stress a cui sono sottoposti gli atleti quando si preparano ad affrontare una competizione o quando seguono degli allenamenti molto intensi, li costringe a concentrarsi intensamente per la riuscita nella competizione, o a pensare a qualcosa di diverso che li distragga alleviando quindi la tensione. Queste attività contribuiscono notevolmente ad aumentare la resistenza al dolore.

Ma non tutti gli atleti reagiscono allo stesso modo. Quelli che praticano sport di contatto si rivelano più sereni, rispetto a quelli impegnati in sport di resistenza. La consapevolezza che la propria prestazione possa influenzare quella dei compagni, favorisce la forza di reagire e quindi la capacità di resistere aumenta.

La spiegazione scientifica trovata dai ricercatori per spiegare questa resistenza al dolore è la seguente: durante l'attività fisica vengono liberate endorfine e oppioidi naturali che possono contribuire ad alleviare la sensazione di dolore. Tuttavia, però, la capacità di resistere al dolore va allenata. Ed è forse proprio questa a determinare le capacità di un atleta, e quindi le sue prestazioni durante le competizioni.

Ad ogni modo, ciò non vuol dire che il dolore vada sottovalutato, tutt'altro: esso è spesso un campanello d'allarme e si sa... Meglio prevenire, che curare!


Fonte: www.runningitalia.it

Nessun commento:

Posta un commento